Cosa ci fa veramente dimagrire?

Cosa ci fa veramente dimagrire?

Arriva l’estate e con lei il bilancio sulla nostra forma fisica. Passare l’esame con lo specchio per la tanto temuta prova costume è un traguardo che superano in pochi.

Spesso cerchiamo la soluzione al problema in una dieta; il web e gli scaffali delle librerie sono pieni di diete più o meno famose: Atkins, Zona, Alcalina, Gruppo Sanguigno, Digiuno Intermittente e tante altre.

Il mercato della nutrizione e dei prodotti dimagranti è un business da miliardi di euro l’anno; essendo un business, per sopravvivere deve avere sempre un trend di crescita positivo.

Periodicamente escono nuove diete e nuovi integratori che promettono di risolvere i nostri problemi di forma fisica.

Questi prodotti sono sicuri ed efficaci?

Molto spesso ci affidiamo a queste diete e integratori senza capire il meccanismo che si cela dietro al dimagrimento: la perdita di grasso avviene quando bruciamo più calorie di quante ne assumiamo, punto.

Ogni anno la comunità scientifica avalla questa ipotesi pubblicando studi dove viene affermato che quello che rende efficace una dieta è il bilancio calorico negativo indotto da un’alimentazione a regime controllato.

Allora possiamo affidarci ad una delle diete tanto pubblicizzate?

Il grande problema delle diete “preconfezionate” è che molte volte non tengono conto delle variabili individuali come dispendio calorico giornaliero, patologie conclamate o latenti e relazioni sociali.

weight loss

La caratteristica “one size fits all” delle diete è una delle maggiori cause di insuccesso. Le statistiche, purtroppo, parlano chiaro: più dell’80% delle persone che intraprendono una dieta finisce per riacquisire il peso perso.

Come è possibile allora perdere peso e raggiungere una forma fisica soddisfacente che sia anche costante nel tempo?

Sicuramente la soluzione migliore è quella di rivolgersi ad un professionista della nutrizione. Il nutrizionista o il dietologo, dopo averci sottoposto ad esami clinici e morfologici, studierà un regime alimentare (cosa ben diversa da una dieta) che sarà in grado di farci dimagrire ad un ritmo accettabile senza compromettere la salute.

Se non tutti possiamo però permetterci la visita di uno specialista, ci basterà seguire queste semplici regole:

  • non eliminare dalla dieta nessun macronutriente (carboidrati, proteine e grassi)
  • mangiare sempre una porzione di frutta o verdura a pasto (per assumere tutti i micronutrienti necessari)
  • evitare sempre cibo spazzatura come merendine, prodotti troppo raffinati, caramelle, cioccolata scadente.
  • usare pochi grassi ma sani (non idrogenati o troppo raffinati)
  • evitare di spizzicare il cibo fuori dai pasti principali
  • non abusare del cibo ed alzarsi da tavola non completamente sazi
  • bere molto
  • non usare il cibo come ricompensa per sessioni particolarmente produttive in palestra
  • mangiare sempre piatti che soddisfano il palato (usare le spezie al posto dei condimenti troppo grassi)
  • evitare un restringimento calorico troppo aggressivo, soprattutto all’inizio

Le regole sono semplici da imparare ma non facili da seguire, decidere di migliorare la propria alimentazione è una scelta che richiede una grande forza di volontà.

Cambiare il rapporto con il cibo è il primo passo per abbracciare uno stile di vita sano ed una forma fisica migliore.

Autore:

Alessio AlfeiDott. Alessio Alfei, ACE PT, Spartan Race OS, Kettlebell Training Senior Instructor, Preparatore per Personale Operativo.

 

 

Bibliografia: